Cocaina. Sindaca di Amsterdam chiede depenalizzazione in Europa

La sindaca di Amsterdam Femke Halsema (ndr. Sinistra Verde) ritiene che l’Europa dovrebbe depenalizzare la vendita di cocaina, poiché vari paesi già consentono la vendita di cannabis. “Ma io sono realista e so che c’è troppo poco sostegno politico per tali misure”, ha detto in apertura di un congresso sulla criminalità organizzata a cui hanno partecipato molteplici istituzioni europee. La Sindaca ritiene che i paesi debbano guardare al consumo di droga in modo diverso.

“Affrontiamo i fatti: la guerra alla droga non funziona. Il sequestro di droga non funziona. E non c’è nemmeno la regolamentazione della cocaina. Spero che possiamo essere d’accordo sulla necessità di formulare una strategia alternativa”, ha detto Halsema al congresso organizzato dal ministro della Giustizia Dilan Ye?ilgöz-Zegerius. Sono presenti i ministri della Giustizia e degli Affari interni, o loro rappresentanti, provenienti da Belgio, Francia, Germania, Italia e Spagna.

Secondo la Sindaca, l’approccio alla droga dovrebbe consistere in tre parti. “Dobbiamo ridurre la violenza e il numero di armi nelle strade. Dobbiamo sostenere lo sviluppo economico e sociale di alcuni distretti e quartieri. E abbiamo bisogno di mappare, interrompere e tagliare i flussi di denaro illegali”. Su quest’ultimo punto, ha sostenuto una maggiore cooperazione tra i governi e le città europee perché è lì che avviene il riciclaggio di denaro.

Halsema ha sottolineato che i governi dovrebbero consentire alla polizia di affrontare i criminali. Ha parlato degli omicidi di Peter R. de Vries, dell’avvocato Derk Wiersum, del fratello Reduan del testimone della corona Nabil B. e dell’omicidio, per scambio di identità, del diciassettenne Mohammed Bouchiki. Secondo Halsema, questi omicidi hanno fatto notizia, ma “in realtà sono solo la punta dell’iceberg”.

(NL Times del 07/10/2022)

 

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA